Lettera T
Scheda
Lettera T

TAMBUCIO, TAMBUCCIO O TAMBUGIO
apertura e relativa porta o scorrevole per scendere sottocoperta.

TANGONE
robusta asta utilizzata per posizionare il punto di mura dello spinnaker; il tangone è normalmente lungo quanto la distanza tra l’albero e il punto di mura del genoa.

TASCA DELLA STECCA
guaina ricavata direttamente sulla vela per potervi inserire una stecca.

TAVOLO DA CARTEGGIO
tavolo utilizzato per le operazioni di carteggio.

TENDER
battellino di servizio o piccolo gommone utilizzato per scendere a terra quando non è possibile attraccare o avvicinarsi sufficientemente a riva.

TIENTIBENE
corrimano o equivalenti profili sagomati, fissati saldamente alla tuga, ai lati del tambuccio o anche all’interno della barca come appiglio per l’equipaggio.

TIMONE
organo di manovra della barca, formato da una pala immersa in grado di ruotare attorno ad un asse e governata mediante una barra o una ruota del timone posta in pozzetto; la pala, offrendo resistenza allo scorrimento dell’acqua, induce la rotazione della prua dallo stesso lato in cui è stata posizionata: l’asse può essere o meno sostenuto, incernierato e protetto da uno skeg, in caso contrario il timone dicesi appeso: i cavi per trasmettere i comandi della ruota alla pala sono chiamati frenelli: il timone è detto compensato se l’asse di rotazione è impostato un poco a poppavia del bordo d’entrata dell’acqua, così che una volta ruotata la pala risultino diminuiti gli sforzi sulla barra o sulla ruota.

TONNEGGIARE
spostare uno yacht utilizzando cavi collegati a riva o a una boa (boa di tonneggio).

TRAPEZIO
attrezzatura che permette ad un membro dell’equipaggio di sporgersi fuoribordo per aumentare il raddrizzamento della barca: formato sostanzialmente da cinghie o corpetto con sottocoscia sostenuto ad un cavetto di acciaio fissato circa a metà dell’albero; è la “divisa” tipica del derivista.

TRASDUTTORE
è la componente del circuito di uno strumento che trasforma il segnale ricevuto dal sensore in corrente elettrica che, una volta misurata, fornisce l’indicazione sull’entità della grandezza in esame (ad esempio il trasduttore del log trasforma i giri dell’elichetta in una corrente a bassa intensità, quest’ultima è inviata alla centralina doveviene poi misurata).

TRASTO
baglio o supporto trasversale su cui è fissata la rotaia del carrello di scotta della randa.

TRAVEL LIFT
gru a ponte.

TRAVERSINO
corto cavo d’ormeggio che viene fissato il più possibile perpendicolare alla banchina per impedire il movimento trasversale della prua o della poppa negli attracchi con la fiancata al molo; 2. piccola asta di acciaio, quasi sempre filettata e munita di chiavetta, posta trasversalmente nei grilli e nei moschettoni allo scopo di serrarli.

TREFOLO
ogni filo che forma un cavo metallico; per estensione è chiamato trefolo anche l’intreccio base delle cime tessili.

TROZZA
attacco del boma sull’albero. formato da un sistema a snodo cardanico o a doppia cerniera affinchè il boma possa muoversi in qualunque direzione.

TUGA
parte rialzata rispetto al piano di coperta per aumentare l’altezza in cabina.